Pastafarianesimo come mezzo di autodifesa democratica

Quando lo stato ti nega determinati diritti perché non hai la giusta visione del mondo, il tuo impegno religioso potrebbe diventare una lotta per l’uguaglianza.

Tradotto da “Pastafarianism as a means of democratic self-defense” pubblicato da Niko Alm il 17 Gennaio 2021

 

I pastafariani indossano scolapasta come copricapo!

Questa ispirazione improvvisa mi ha colpito nel 2009, quando io, come membro della Chiesa del Prodigioso Spaghetto Volante, ho deciso di esibire la mia religione Pastafariana sulla mia patente di guida, proprio come i seguaci di altre religioni esercitano il loro diritto speciale di indossare copricapi religiosi. Era come se il Mostro Volante degli Spaghetti mi avesse toccato con le sue Pappardellose Appendici per illuminarmi.

Così sono diventato un testimone del raro evento in cui una dottrina religiosa si è sviluppata attraverso un’esperienza trascendente personale – in effetti la mia. Gli insegnamenti e i riti di qualsiasi religione non sono esistiti per sempre, sono esperienze umane che emergono costantemente, cambiano, si adattano, diventano tradizioni e talvolta scompaiono. Appaiono all’improvviso, si integrano nell’azione sociale e si sviluppano in una cultura religiosa. Così, lo scolapasta indossato sulla testa è diventato la pratica accettata e mondiale per i Pastafariani.

Religione organizzata

Il Pastafarianesimo è una religione emergente e la Chiesa del Prodigioso Spaghetto Volante ha solo 15 anni. Il che lo rende estremamente giovane, per essere un culto religioso. Ma anche altri come Scientology, che non ha nemmeno cento anni, sono stati fondati di recente. L’Islam esiste da quasi 1.400 anni, ma il cristianesimo, il giudaismo o il buddismo non sono molto più antichi. Finora, tutti sono sopravvissuti solo a un periodo relativamente breve della storia umana. Tuttavia, c’era tempo più che sufficiente per sistematizzare gli insegnamenti e organizzare i credenti.

Non esiste una religione non organizzata. La religione assume sempre la forma di una religione organizzata. Allo stesso tempo è anche cultura e ideologia. E soprattutto, la religione funge da comunità che unisce i suoi membri dietro una dottrina di fede e si costituisce attraverso i riti. È un commercio umano che alla fine cerca sempre di assicurarsi una posizione speciale nella comunità organizzata dello stato.

Stato e religione

Un muro di separazione tra repubblica e religione, come stabilito nel Primo Emendamento della Costituzione americana, è uno storico colpo di fortuna che può essere fatto risalire alla fondazione degli Stati Uniti durante l’Illuminismo. Il Paese non è stato preceduto da un forte legame monarchico tra lo Stato e la Chiesa che doveva essere prima sciolto come in Europa. Non va dimenticato che il vero legame politico tra religiosità e politica è forte negli USA e che questo muro di separazione è molto spesso inefficace nella pratica. [Una buona lettura su questo è “Godless Citizens in a Godly Republic” (WW Norton & Co) di Laurence R. Moore e Isaac Kramnick.]

Ma la connessione istituzionale è molto più forte in Europa, anche perché non c’era una situazione di tabula rasa per il giovani repubbliche che si sono liberate dalle loro radici monarchiche. L’intreccio tra religione e stato in Europa è storicamente molto avanzato, vario e complesso: ha formato un nodo gordiano irrisolvibile.

Una nuova partnership

Il processo di separazione della Chiesa dallo Stato, iniziato anche in Europa con l’Illuminismo, è stato realmente completato solo in pochi Paesi, come la Francia con la sua legge del 1905 sulla separazione delle Chiese e dello Stato.

Dopo la prima guerra mondiale, la Chiesa cattolica usò abilmente una situazione politicamente instabile nel continente per stabilire una nuova partnership tra Stato e Chiesa (cattolica) con i sistemi fascisti in Italia, Austria e Germania. I cosiddetti Concordati sono trattati internazionali speciali che concedono alla Chiesa cattolica privilegi speciali nella sua veste della Santa Sede (più o meno equivalente al Vaticano).

Di conseguenza, il cattolicesimo divenne improvvisamente un partner alla pari per lo Stato.

Nei Paesi protestanti, il quadro era diverso e i Paesi nordici e scandinavi avevano tradizionalmente Chiese di Stato fino all’inizio di questo millennio. Tuttavia, le loro popolazioni sono tra le più senza Dio. [Il sociologo Phil Zuckerman ha scritto un eccellente libro sui popoli senza Dio in Svezia e Danimarca intitolato “Società senza Dio: ciò che le nazioni meno religiose possono dirci sulla felicità“. (New York University Press)]

Nell’Europa orientale, il cristianesimo, soprattutto in Polonia e Russia, ha sommerso il comunismo per riaffermare la sua influenza politica dopo il crollo del blocco orientale. Alcuni paesi, come la Repubblica Ceca o la Slovenia, hanno utilizzato le loro nuove costituzioni democratiche per stabilire una separazione costituzionale tra Stato e religione.

Ciò che la maggior parte dei paesi europei ha in comune, tuttavia, è che, a differenza degli Stati Uniti, la religiosità ha ampiamente preso un posto di secondo piano.

Falsa neutralità: i Pastafariani reagiscono

Nonostante il rapido declino del numero di credenti religiosi, la maggior parte degli Stati non vuole porre fine allo status storico privilegiato della religione. Molti Paesi europei quindi cercano di creare qualcosa come la “equidistanza ideologica” espandendo lo status privilegiato della religione attraverso l’inclusione di nuove comunità religiose creando così sempre più religioni di Stato. Si tratta di costruzioni complesse che discriminano religioni più piccole e più giovani come il Pastafarianesimo o altre comunità ideologiche non religiose. L’uguaglianza quindi si estende legalmente solo a coloro che sono membri del club.

Questo è ovviamente ingiusto.

Al fine di ricevere gli stessi diritti speciali (es. Educazione religiosa nelle scuole e nelle università, agevolazioni fiscali, sussidi) delle religioni consolidate, dal 2014 i Pastafariani in Austria sono stati sottoposti a un procedimento per essere ufficialmente riconosciuti dallo Stato.

La Corte costituzionale ha infine respinto la domanda nel 2019. Un ricorso contro la sentenza della Corte suprema dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’Uomo è ancora pendente.

Il Pastafarianesimo è una vera religione?

Molto spesso in questo processo osservatori, media e tribunali hanno cercato di rispondere alla domanda: “Che cos’è una vera religione?”

La legge austriaca ha standard chiari per questo: ci deve essere un culto, un’organizzazione di più di 300 membri e una relazione con la trascendenza nella sua dottrina. Tutto questo esiste nel Pastafarianesimo e nella Chiesa del Prodigioso Spaghetto Volante. Il Giudice Supremo alla fine ha stabilito che la comunità di osservanti istituita finora non era abbastanza grande – un criterio che aveva inventato che non è specificato dalla legge.

Alla fine, tuttavia, non ha riscontrato alcuna differenza nella natura della religione pastafariana rispetto ad altre religioni tradizionali. E non ce n’è. I pastafariani si definiscono una comunità religiosa. Ciò significa che la base dei loro insegnamenti si riferisce a rivendicazioni non dimostrabili (non falsificabili) per definizione come quelle che si trovano al centro di ogni religione. Dopotutto questo è ciò che riguarda la fede. Questo distingue la fede dalla scienza, dove le affermazioni possono essere verificate (falsificate) con prove logiche ed empiriche. Questo non è possibile con le affermazioni di fede.

Il fatto che il Pastafarianesimo sia stato inequivocabilmente riconosciuto dalla Repubblica d’Austria come una “religione” è almeno un parziale successo del processo.

Specchio della società

La sfida dello Stato di diritto e della società attraverso il Pastafarianesimo è in definitiva quella di mettere in discussione i privilegi religiosi attraverso la rivendicazione per sé di questi diritti speciali da parte della Chiesa del Prodigioso Spaghetto Volante che rivendica per sé questi diritti speciali.

Perché ci sono alcune esenzioni da altre leggi generalmente applicabili per certe religioni? [Consiglio vivamente il libro di Brian Leiter “Why Tolerate Religion?” (Princeton University Press)]

I pastafariani sollevano questa domanda in modo satirico attraverso le loro azioni, ma a un esame più attento la motivazione è irrilevante. Che i cattolici credano davvero, che i musulmani siano puramente tradizionali o che i pastafariani siano motivati ​​dall’umorismo o dalla sovversione nelle loro azioni non deve fare alcuna differenza per la parità di trattamento da parte dello Stato di diritto.

Gli ordinamenti giuridici in tutto il mondo differiscono notevolmente a livello nazionale, motivo per cui il movimento Pastafariano assume forme completamente diverse. Durante la mia visita ai Pastafariani russi, ho sperimentato un alto grado di organizzazione nella comunità Pastafariana, anche perché il riconoscimento a livello locale è facilmente possibile. In Austria, Polonia e Paesi Bassi, i Pastafariani cercano di stabilire la parità di trattamento con le altre religioni attraverso procedure legali. E in Italia, nel Regno Unito o in Germania, questa religione giovane e in rapida crescita è più concentrata sulla creazione di nuove tradizioni.

Ma stiamo tutti lavorando insieme (sulla stessa Pappardellosa Appendice del nostro Dio ricco di carboidrati, il Prodigioso Spaghetto Volante).

Frescovo della Arcidiocesi Pastafariana dell'Area Pasta Romagna, Scardinale e Presi(al)dente della Chiesa Pastafariana Italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non verrà pubblicato. Campi obbligatori con l'asterisco*.

Ricevi un avviso in caso di risposta. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.