Caro ALT

Quella che segue è la risposta di Pappessa Scialatiella Piccante I alla lettera scritta dall’artista ALT, pubblicata dall’Osservatore Pastafariano QUI

 

Caro ALT,

posa ogni umiltà al mio cospetto e sentiti libero di essere orgoglioso di quanto pensi e dici.

Ho guardato attentamente l’opera.

L’opera di ALT censurata dal Sindaco di Arcevia

La qualità artistica non è il fattore decisivo per misurare il valore di un intervento comunicativo, per cui non importa se la tua sia una “velleità”: il linguaggio umano non è soltanto verbale o argomentativo, ma anche iconico e integrato, perciò tutti i tipi di messaggi dovrebbero avere spazi espressivi liberi. È vero: non ogni messaggio è appropriato in ogni sede, ma grazie al Prodigioso esistono innumerevoli e differenziate “sedi”!

Quanto esprimi riguardo alla figura della Madonna è una visione personale, ma in riferimento alle icone, se ci troviamo fuori dall’ ambito del sacro, non esiste solo l’approccio religioso, perché esse, per via della loro influenza nella dimensione mondana, acquisiscono una varietà di significati ideologici. La tua opera, infatti, si confronta con quelli politici e sociali delle rappresentazioni di Maria, con allusione al commercio e al lucro che l’arte sacra e il meccanismo votivo innescano.

In effetti denunci una realtà che fece imbestialire Gesù Cristo stesso quando cacciò i venditori dal tempio, se è vero quel che è scritto nella Bibbia. È evidente che il tuo intervento è frutto di una studiata analisi di quanto sia possibile approfittare della devozione dei credenti. Un fedele attento dovrebbe persino darti ragione e trovare oltraggioso che le istituzioni religiose in cui ripone fiducia agiscano con animo venale.

Ti rincresce che le persone non abbiano letto i testi esplicativi. Mio caro Alt, l’apprezzabile voglia di documentare e dimostrare che la tua non è una provocazione, bensì una personale reazione a una verità storica è un di più. Se pure avessero letto, non avrebbero mutato la propria posizione di fronte all’evidenza dei dati da te raccolti, perché il loro approccio è religioso e impulsivo, non laico e razionale.

Ho grande comprensione affettiva e umana per quanti si sono offesi. Tuttavia essi non andavano assecondati. I fedeli devono accettare che, fuori dagli spazi di culto e dai luoghi sacri, la società è laica: i religiosi sono liberi e padroni assoluti, ma nelle loro “case”, nelle chiese. Fuori dai luoghi e dalle situazioni di culto essi sono cittadini come altri.

La laicità è libertà di culto e libertà dai culti!

Non possiamo aspettarci razionalità da un cittadino mosso da sentimenti irrazionali, quale il sentimento di fede certamente è. Deve restare razionale, invece, un amministratore pubblico che, anziché dare soddisfazione all’emotività fuori ambito di uno o più cittadini, dovrebbe restare saldo e sereno nel ribadire che i luoghi pubblici non a caso hanno funzioni diverse: il servizio alla comunità si svolge a differenti livelli, pertanto il diritto all’offesa dei visitatori scandalizzati, in sede di evento culturale, non ha più valore del diritto all’espressione dell’artista o della domanda di conoscenza di visitatori con altre prerogative.

Se l’assessore Laura Coppa cede alle pressioni presentando le proprie dimissioni, è un fallimento civile di grande portata. Si afferma cioè che i diritti laici e civili devono cedere il passo alle “emozioni” religiose in qualsiasi circostanza! Un assessore dovrebbe dare le dimissioni per negligenza, per corruzione, per violazione del patto di fiducia con gli elettori, non davvero perché ha consentito la massima libertà a un artista, al contempo preoccupandosi di avvertire i visitatori in modo da preservarne la sensibilità! Dovrebbe vergognarsi chi chiede le dimissioni sulla base di un criterio tanto soggettivo e parziale!

Se l’assessore Laura Coppa cede alle pressioni presentando le proprie dimissioni, è un fallimento civile di grande portata.

Quanto alla tua opera, mio caro Alt, certamente essa passa sotto la mia protezione morale. Ogni volta che sarà possibile, in occasione di eventi della campagna Dioscotto, saremo più che lieti di raccontare la tua vicenda e di esporla.

Il sugo scorra su di te e ti lambisca profumata la sacra birra.

Pappessa Scialatiella Piccante I

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Scialatiella Piccante

Assatirata, Frescova di Salerno e Pappessa dei Pastafariani d'Italia, con parole intrise di saggezza e sugo aiuta piratesse e pirati d'ogni dove a tracciare la propria rotta nel nome del Prodigioso Spaghetto Volante.