Libertà o blasfemia?

LETTERA
Da poco ho saputo che la vostra associazione è favorevole all’abolizione delle leggi sulla blasfemia e sul vilipendio. Dopo le cose accadute in Francia e a Copenaghen, davvero pretendete che le legge autorizzi l’insulto ai danni dei sentimenti religiosi? Ma non vi rendete conto che ci vuole un freno?
Il fatto che fingiate di credere in uno piatto volante di Spaghetti, solo per camuffare un ateismo cinico e materialistico, davvero vi impedisce di comprendere che esistono idee da rispettare e tutelare?
Gesù diceva che saremo giudicati per la nostra parola! Non possiamo sforzarci di onorare il dono del linguaggio usandolo per fini edificanti anziché offensivi?

Mamma desiderosa di un mondo migliore. Approfondisci

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Bótte e risposte

LETTERA

Cara Piratessa, ho un annoso problema (di nuovo).

Sono una personalità della chiesa Pastafariana e sto per uscire con una ragazza che ha un incarico politico in un Comune della provincia della mia città, che non cito perché temo rappresaglie orribili. Ci sono varie domande intorno a questa faccenda:

1) Lei, che è decisamente aperta di mente, non può dichiararsi pastafariana perché lavora in un ambiente di gretta cristianità: può essere fedele in segreto? Esiste uno status di “persecuzione religiosa media” nella nostra chiesa? Tipo tutti quei poveri fedeli che sono costretti a non fare outing? Dovremmo discuterne, credo, anche in difesa delle altre minoranze.

La nostra Chiesa come tutela i taciti fedeli?

2) Come vede la nostra Chiesa l’avvicinarsi del potere Temporale a quello Spirituale? Sono dichiaratamente antifascista (pure militante) ed essere io stesso a far tornare i Patti Lateranensi…beh si insomma, hai capito.

3) Secondo te vado ad accorciarmi i capelli o li tengo un po’ alla cazzona?

La macchina la lavo o la lascio allo stato naturale?

Camicia nera che snellisce, o chiara perché non ho paura dei miei difetti?

Una piccola forchetta da campo in tasca come portafortuna (lo scolapasta non lo userei, sempre per il motivo numero 1).

Grazie Piratessa Bella, ti Ramo.

Anonimo Pastafariano Approfondisci

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Piratessa risponde

piratessa-1LETTERA

Sono pastafariano e ho deciso di telecelebrare lo sposalizio tra me e Carlo, che ora è mio marito. Nasce però un problema teologico e morale. Mi sono recentemente invaghito di una stupenda ragazza, e ne ho parlato con il mio consorte. Lui non ha problemi a riguardo. La domanda che mi pongo è: nel caso (fortunato) in cui con la donzella andasse bene, mio marito avrebbe doveri coniugali nei suoi confronti? Sono molto geloso di entrambi. Capirete che si crea un quadretto piuttosto difficile da gestire. La puella ancora è all’oscuro del fatto che sono sposato.

Cosa mi consigliate?

Grazie,

Giacomo

Approfondisci

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Domandate, ché vi sarà risposto

Lettera

Scusa, quando racconto a mia moglie la mia fede verso il Prodigioso Spaghetto Volante inizia a ridere. Come posso farle capire che la mia è una vera devozione e vorrei che la mia religione fosse rispettata? Ha letto alcuni dei vostri commenti su fb e ha detto che: “siete simpatici, ma la simpatia non renderà la vostra religione più vera”. A quel punto mi sono tolto la benda dall’occhio, ho posato lo scolapasta sul tavolo e l’ho fissata 10 secondi negli occhi… e poi… poi abbiamo iniziato a ridere a crepapelle.

Ti voglio bene piratessa. Ramen.

Nick Biussy

Risposta

Caro Nick,

come ben saprai il nostro primo condimento ci ricorda di non pretendere che altri abbiano fede nel Prodigioso Spaghetto Volante. Approfondisci

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail