Pastafariano con scolapasta denuncia di aver subito discriminazione da parte della Motorizzazione per la foto della patente

di Danae King
30 Ottobre 2019
The Columbus Dispatch

Tradotto dall’articolo “Colander wearing pastafarian claims religious discrimination over ohio drivers license photo”

Un uomo di Cincinnati si è recato in diversi uffici della Motorizzazione dell’Ohio nella sua zona lo scorso anno, nel tentativo di trovarne almeno uno che gli facesse scattare la foto della patente con uno scolapasta in testa.

Non c’è stato verso, nonostante l’insistenza di Richard Steve Moser III sul fatto che lo scolapasta sia un copricapo religioso, ed ora un gruppo nazionale si sta battendo per suo conto.

L’American Humanist Association afferma che il diniego da parte della Motorizzazione è discriminatoria e incostituzionale, ma l’agenzia statale afferma che la sua politica consente alle persone di indossare i copricapi religiosi nelle foto delle patenti di guida unicamente nel caso che li indossano in pubblico nella vita quotidiana.

“A qualsiasi altra religione è consentito, quindi perché non alla mia?” ha detto Moser, che ha affermato di aver letto e apprezzato “Il Libro del Prodigioso Spaghetto Volante” quando l’anno scorso stava guarendo dalla frattura del bacino.

Il confrittello Richard Moser col suo Sacro Copricapo

Moser ha detto che da allora è diventato un seguace della fede, ovvero un Pastafariano, e pratica la religione satirica della Chiesa del Mostro di Spaghetti Volanti. Il culto è nato nel 2005, dopo che un uomo scrisse una lettera al Consiglio Scolastico del Kansas proponendo che se fosse stato insegnata la Teoria del Disegno Intelligente, era legittimo l’insegnamento dell’idea che un mostro di spaghetti volanti ha creato la Terra.

La religione, che ha preso piede soprattutto nei paesi europei e ha migliaia di membri, secondo gli studiosi, ha un proprio Vangelo ed è riconosciuta come religione da alcuni funzionari del governo di altri Stati, i quali hanno permesso agli adepti di farsi foto per la patente con un colandro in testa.

Moser ha detto che è passato dall’essere ateo a diventare credente dopo aver letto il Vangelo della Chiesa, e ha persino fondato una congregazione online per altri pastafariani vicino alla sua residenza di Cincinnati. Il gruppo Facebook, che Moser ha aperto un anno fa, conta 178 membri.

“Mi piace la parte della satira e tutto il resto. C’è molta satira nel Vangelo; è semplicemente divertente”, ha detto Moser.

Uno degli uffici di Motorizzazione dell’Ohio interpellato da Moser

Il Regolamento della Motorizzazione dell’Ohio afferma che le foto non possono essere accettate se si indossa un copricapo, a meno che “non sia utilizzato per uno scopo religioso riconosciuto, ma solo se di solito e abitualmente indossato ogni volta che la persona appare in pubblico”, tra le altre cose, come dichiarato la portavoce dell’agenzia Lindsey Bohrer in una e-mail.

Bohrer ha affermato che i pastafariani non soddisfano tale requisito di eccezione per motivi religiosi, secondo la loro politica.

“In considerazione delle richieste dei Pastafariani, la Motorizzazione ha stabilito che non ci sono evidenze che i membri di questa religione usualmente e abitualmente indossino gli scolapasta ogni volta che compaiono in pubblico, come al lavoro, a scuola, nei colloqui di lavoro, ecc.”, scrive Bohrer.

Moser ha affermato che indossare un colandro non è un requisito per essere un pastafariano. Tuttavia, ha aggiunto, “se sei un uomo di fede, dovresti poter indossare lo scolapasta nella foto della patente”.

Moser ha dichiarato di essersi sentito discriminato quando gli impiegati della Motorizzazione nell’area di Cincinnati che ha visitato hanno negato la sua richiesta. “Mi è stato detto che non siamo una religione”, ha dichiarato.

Grant Shreve, uno scrittore e studioso di Baltimora che si concentra sulla cultura e la religione americana, ha studiato il Pastafarianesimo nel 2017 e la ricerca di riconoscimento da parte di alcuni dei suoi membri.

Lo studioso di religioni Grant Shreve

L’ha definita una “religione che sfida la nostra idea di cosa sia la religione”. E sebbene la religione sia iniziata con toni satirici, ha detto, si è evoluta in un movimento autentico.

Ci sono gruppi di credenti in tutto il mondo, anche in Germania, Nuova Zelanda e Russia. Alcuni celebrano “Sacher Mense” ed hanno edifici in cui si riuniscono, ha detto Shreve.

“Mette a disposizione una comunità; c’è voglia di divertirsi”, ha detto Shreve. “Offre alcune delle strutture della religione tradizionale, ma con uno spirito di stupidità e gioia. Penso che sia attraente per molte persone.”

Nell’Ohio centrale, i membri della Columbus Coalition of Reason ospitano una cena di beneficenza in onore del Prodigioso Spaghetto Volante dalle 18 alle 20. il 7 novembre presso la Prima Chiesa Unitaria Universalista di Clintonville. È l’ottavo anno in cui il gruppo ateo ha ospitato l’evento e il ricavato andrà in beneficenza alla Mid-Ohio Food Bank, stando a quanto riportato sulla pagina dell’evento.

A proposito della questione se persone e il governo dovrebbero prendere sul serio i pastafariani e la loro religione, Shreve ha detto che la religione contempla il fatto che la storia che racconta del Prodigioso Spaghetto Volante possa essere immaginaria. Alcuni membri probabilmente credono che la religione sia una critica delle fedi tradizionali, ha detto Shreve, e altri potrebbero pensare che stanno estendendo la concezione della società di ciò che una religione può essere.

Shreve ha aggiunto che il fatto che le persone si sentano offese o colte alla sprovvista quando qualcuno come Moser si presenta alla Motorizzazione indossando uno scolapasta “dice di più di noi di quanto non faccia a proposito dei Pastafariani”.

La Chiesa del Mostro di Spaghetti Volanti è una delle diverse religioni “parodistiche”, ha detto, anche se la maggior parte non sopravvive o si accorge di quanti Pastafariani abbia.

Il discordianesimo, fondato negli anni ’60 per venerare Eris, la dea greca del caos, è stata una delle prime religioni parodistiche o “postmoderne”, ha detto Shreve. I suoi membri si sono incontrati e si sono divertiti con la loro religione inventata, ha detto.

Dopo aver ricevuto il diniego dalla Motorizzazione dell’Ohio, Moser ha contattato l’American Civil Liberties Union e l’American Humanist Association. Monica L. Miller, direttrice legale dell’associazione umanista, ha affermato che il gruppo no profit con sede a Washington, che sostiene la libertà religiosa, ha deciso di accettare la causa di Moser perché rappresenta tutte le questioni che toccano la separazione tra chiesa e stato.

L’8 ottobre, il gruppo ha inviato una lettera di quattro pagine alla segreteria della Motorizzazione dell’Ohio per conto di Moser, sostenendo che consentire a Moser di indossare il colandro sarebbe una “soluzione semplice e ragionevole”.

Lindsay Miller, nel 2015 ha ottenuto la foto con scolapasta sulla patente

Il Massachusetts ha permesso a una donna di Pastafariana di indossare uno scolapasta nella sua foto nel 2015, ha affermato Miller. Anche l’Arizona consente questo Copricapo.

Miller ha aggiunto che sospetta che Moser abbia avuto il diniego alla Motorizzazione perché la sua religione non è una delle più conosciute.

“La Motorizzazione non è autorizzata a decidere a quali religioni può essere concesso questo privilegio e quali religioni no”, ha scritto Miller nella lettera. “Negare a qualsiasi persona il diritto di accedere a questa soluzione semplicemente perché la sua religione non è sufficientemente conosciuta o compresa dalla Motorizzazione sarebbe una chiara violazione del Primo Emendamento.”

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
FacebooklinkedinrssyoutubeFacebooklinkedinrssyoutube